Firmato accordo sul Fondo Nuove Competenze nel Terziario Padova

Siglato, tra la Confcommercio Imprese per l’Italia -Ascom Padova, CGIL di Padova, la FISASCAT-CISL Padova Rovigo, la UILTUCS di Padova, il contratto collettivo territoriale per l’accesso alle prestazioni del Fondo Nuove Competenze per i lavoratori dipendenti di aziende dei settori terziario, distribuzione e servizi della provincia di Padova.

Le Parti condividono la necessità di consentire alle imprese che operano nei settori terziario, distribuzione e servizi della Provincia di Padova, fortemente interessate dagli effetti negativi dell’epidemia, di attivare percorsi formativi mirati ad incrementare le competenze dei lavoratori, attraverso la temporanea rimodulazione dell’orario di lavoro, al fine di rilanciare le attività economiche.
I progetti formativi devono essere impostati tenendo in considerazione il limite massimo delle ore da destinare allo sviluppo delle competenze per lavoratore, pari a 250 ore.
Le attività di sviluppo delle competenze devono concludersi entro 90 giorni decorrenti dalla data di approvazione della domanda da parte dell’Agenzia Nazionale delle Politiche Attive del Lavoro, ovvero 120 giorni nei casi in cui sia previsto il coinvolgimento dei Fondi interprofessionali;
II Fondo Nuove Competenze rimborsa il costo, comprensivo dei contributi previdenziali e assistenziali, delle ore di lavoro in riduzione destinate alla frequenza dei percorsi di sviluppo delle competenze da parte dei lavoratori. I lavoratori non subiranno alcuna diminuzione della retribuzione relativamente alle ore in cui sono impegnati nello svolgimento dei programmi formativi.
Nei periodi in cui vengono svolti i percorsi formativi oggetto del presente accordo non è consentito alle aziende l’accesso agli ammortizzatori sociali.
Le domande che vengono presentate all’Agenzia Nazionale delle Politiche Attive del Lavoro potranno essere accolte nei limiti degli attuali fondi stanziati.
Possono svolgere il ruolo di soggetto erogatore della formazione, anche a distanza, le stesse imprese che presentano le domande di contributo, laddove siano in possesso degli idonei requisiti tecnici e professionali, oppure soggetti esterni in possesso dei requisiti richiesti, ovvero per il tramite di uno egli enti di formazione accreditati presso gli Enti Bilaterali.
Le imprese interessate all’avvio di percorsi formativi mirati allo sviluppo delle competenze dei lavoratori possono rivolgersi all’Ente Bilaterale Terziario della Provincia di Padova, inviando, attraverso pec all’indirizzo entebilateralepadova@legalmail.it. la richiesta formale di adesione al presente Accordo Territoriale, con l’impiego della modulistica che viene messa a disposizione tramite il portale dell’Ente stesso (www.entebilateralepadova.it/terziario).